top of page
  • Immagine del redattoreHealth Society

La torta del venerdì

Tutti i venerdì mattina a Bottega Ashtanga c'è la lezione guidata "con il corretto conteggio in sanscrito" (direbbero i super fan di tale -ji), tenuta da Roberto. Scendo anch'io, primo perché voglio dare il buon esempio, secondo perché almeno una volta alla settimana pratico in una classe regolare e non da sola quando ancora l'alba non è all'orizzonte. E poi, dopo la pratica, ci prendiamo tutti un po' di tempo per il caffè! Scendiamo insieme al bar e sorseggiando caffè chiacchieriamo del più e del meno. Il venerdì è proprio un giorno speciale a Bottega!

Quindi ogni giovedì pomeriggio il mio impegno è quello di preparare un post accattivante per convincere i più restii e una torta per allettare gli indecisi e premiare i più zelanti.

Per questo venerdì avevo pensato a una torta di prugne che ho preso al mercato biologico e poi sono di stagione. Invece questa mattina, mentre salutavo una delle mie adorate Chiclets, la Wonder Galvy mi ha informato che domenica lei e Il Giuli con ci saranno, vanno in Austria e abbiamo menzionato la Linzer Torte che, fra l'altro, è una delle mie torte preferite. Naturalmente mi serviva una versione vegana, sugar & gluten free. Perché a Bottega Ashtanga vogliamo essere inclusivi in tutto! Nel web c'è di tutto, ma tutte le ricette hanno sempre troppi ingredienti, molti dei quali assolutamente vietati. Così mi sono cimentata nell'ennesimo esperimento e al momento mi ritengo soddisfatta.

P.S.

La bellissima alzatina è un gentile regalo della dotteressa Raffelli.



Ingredienti

100 g di mandorle tritate (o farina di mandorle)

250 g di farina di grano saraceno bio

50 g cocco rapè

2 cucchiai di semi di papavero

1 cucchiaio di cacao amaro

5 datteri denocciolati

8 cucchiaio di olio di cocco

50 ml di latte di cocco

1 chiodo di garofano

la scorza di mezzo limone bio e non trattato

sale qb

1 cucchiaino di polvere lievitante bio

marmellata di lamponi qb


Procedimento

Frullare tutti gli ingredienti secchi insieme, compresi datteri e scorza di limone. Aggiungere un pizzico di sale, l'olio di cocco e il latte di cocco a filo. Si otterrà un impasto compatto (tipo pasta frolla), morbido e facilmente lavorabile. Ricoprire uno stampo da crostata con carta da forno non trattata e ricoprirlo con gran parte della pasta, tenete da parte una piccola porzione per la "griglia" della crostata. Bucherellate la base e riempitela con la marmellata. Con la porzione di impasto che avete tenuto da parte, formate sei strisce e guarnite la crostata a mo' di griglia. Infornate in forno già caldo a 180° per circa 30 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare. Se avete ospiti particolarmente golosi, potete servire la crostata con un cucchiaio di panna montata bio.

Buon appetito


Lucia Di Lucca


251 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page